komoot
  • Esplora
  • Tour Planner
  • Funzioni
Esplora

Un sogno alto 4.130 metri – Annapurna Base Camp

Marika Abbà

Un sogno alto 4.130 metri – Annapurna Base Camp

Escursionismo – Raccolta by Marika Abbà

5

Tour

20:39 h

59,7 km

3.780 m

Novembre 2019, un volo mi porta in Nepal insieme alla mia instancabile amica e compagna di avventure. Un sogno che si avvera. L’inizio di una grande avventura che custodivo da anni nel cassetto dei desideri e che spesso immaginavo prima di addormentarmi. Il primo impatto uscita dall’aeroporto di Kathmandu è fatto di caos, clacson che suonano all’impazzata, taxisti che vogliono a tutti i costi venderti il loro servizio. Insomma, siamo ancora lontane dalla tranquillità.

Via via che ci allontaniamo in bus dalla capitale, però, il mondo assume un’altra forma, un altro sapore: la vita si fa più lenta, meno frenetica, e anche la povertà diventa più tangibile. Pokhara è la prima destinazione di questo viaggio, oserei dire il luogo di smistamento di coloro che si apprestano a raggiungere le pendici o la sommità delle vette più alte del Pianeta. Nelle giornate limpide l’Annapurna, il Manaslu, il Machhapuchhare e molte altre cime si specchiano nell’enorme Lago Phewa; le barche variopinte che galleggiano sulle acque danno un tocco artistico indimenticabile.

Il vero viaggio, però, inizia con il trasferimento in auto – una Suzuki Alto in condizioni precarie – da Pokhara a Nayapul; un tragitto caratterizzato da grosse buche, strade sterrate e lavori in corso, il tutto allietato da interminabili canzoni nepalesi. L’avventura è appena iniziata e già mi piace follemente!
A Nayapul prendiamo un bus di linea, se così si può chiamare: è grande, dai colori sgargianti, sopra al tettuccio c’è un portapacchi fatto a cesto dove vengono caricati zaini, borse contenenti viveri e molto altro. Il parabrezza è adornato con centrini svolazzanti a forma di triangolo, l’interno è un tripudio di colori e addobbi, la porta rimane sempre aperta, anche durante la corsa.

Si riparte! Questa volta in direzione Ghandruk. Il bus procede su una strada stretta, ovviamente sterrata, con ai lati profonde gole e dirupi. Se soffri di vertigini, ti consiglio di sederti nei posti rivolti verso monte. Dopo un’ora e mezza di dondolii, eccoci a Ghandruk. Devo ammettere che appena scesa dal bus, avrei baciato la terra sotto i miei piedi. Anche questa esperienza, non adatta a chi è debole di cuore, rende l’avventura ancora più entusiasmante.
Il villaggio alpino di Ghandruk è il punto di partenza effettivo del nostro trekking. Da qui in poi ci aspettano ore di cammino, saliscendi continui, uomini, donne, bambini dal sorriso timido e dal cuore grande. All’orizzonte svetta l’Annapurna: pare così lontana; è di una bellezza disarmante.

Cos’è utile avere con sé in questa esperienza? Sicuramente uno zaino robusto, scarpe da avvicinamento, t-shirt traspiranti, pantaloni da escursionismo e micropile o maglie calde per la sera. Un berretto di lana da indossare di notte – quando le temperature si abbassano drasticamente – ti eviterà molti mal di testa, sacco a pelo, barrette, una borraccia capiente, salviette igienizzanti – più aumenta la quota, più la doccia sarà un ricordo – e la powerbank. Saranno cinque giorni di digital detox: la connessione internet è pessima se non inesistente, quindi ti consiglio e ti auguro di riempirti gli occhi della bellezza che ti circonda e non dello schermo di un dispositivo.

Questa esperienza non va sottovalutata, perché si toccano quote elevate e il mal di montagna non va preso sotto gamba. Se reputi che le tappe siano troppo poche per permetterti di acclimatarti, puoi optare per un pernottamento in più. Nel caso in cui ti sentissi male, accusassi un forte mal di testa, vomito o fatica a respirare, cerca di perdere quota il prima possibile e riposati. Un consiglio sempre valido: bevi molta acqua e ascolta il tuo corpo.

Ricordati di richiedere l’Annapurna Trekking Permit prima di partire. Lo puoi ottenere recandoti al Nepal Tourism Board Office di Kathmandu o Pokhara oppure affidandoti ad un’agenzia di trekking.

A questo link trovi alcuni scatti del mio viaggio: annapurnamarikabba.weebly.com.

Buon cammino!

Vedi sulla mappa

loading
loading

Pianifica a modo tuo

Cosa aspetti a partire? Dai forma alla tua avventura e pianifica il percorso a tuo piacere basandoti sul Tour qui sotto.

Annapurna Base Camp (ABC)

60,1 km

3.810 m

4.180 m

Ultimo aggiornamento: ‪10 febbraio 2023

Tour e Highlight

  • Map data © Mappa Open Street contributors

    Tappa 1: Da Ghandruk a Sinuwa – ABC

    Difficile
    04:43
    13,0 km
    2,8 km/h
    1.130 m
    850 m
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri prevalentemente accessibili. Richiesto passo sicuro.

    L’alba colora di un rosa tenue l’orizzonte, le nevi e i ghiacci dell’Annapurna South (7.219 m) sembrano più docili. Tra le vie di Ghandruk c’è un silenzioso viavai di persone e animali al seguito. Mentre facciamo colazione con uova, patate e pane in cassetta, il paese si sta lentamente risvegliando.

    

    Salutati

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    03:53
    10,7 km
    2,8 km/h
    970 m
    140 m
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    I primi raggi di sole riscaldano i nostri corpi ancora assonnati, in lontananza si possono scorgere i primi escursionisti mettersi in cammino da Chhomrong in direziona Sinuwa. Indossati gli zaini, è tempo anche per noi di incamminarci. Oggi non ci sarà tempo per abituare progressivamente le nostre gambe

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Registrati e scopri luoghi come questo

    Ricevi consigli su singletrack, vette e tante altre avventure imperdibili!

  • Difficile
    02:21
    7,07 km
    3,0 km/h
    970 m
    0 m
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    È arrivato il grande giorno, quello che aspettavo da tantissimo tempo. Oggi si sfonda il muro dei 4.000 metri; oggi la meta è l’Annapurna Base Camp. L’entusiasmo si mescola al timore di patire l’altitudine. So come reagisce il mio corpo a quella quota, ma devo prestare molta attenzione, perché non

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    05:38
    17,3 km
    3,1 km/h
    140 m
    1.940 m
    Percorso escursionistico per esperti. Ottimo allenamento richiesto. Sentieri facilmente percorribili. Adatto a ogni livello di abilità.

    La sveglia suona prima dell’alba. Fuori dalla porta pochi temerari procedono in fila verso il punto panoramico adornato da tantissime bandierine tibetane colorate con sopra riportati alcuni mantra; mosse dal vento, quest’ultime liberano silenziose preghiere di protezione e buon auspicio. I colori non

    by Marika Abbà

    Dettagli
  • Difficile
    04:05
    11,6 km
    2,8 km/h
    570 m
    1.210 m
    Percorso escursionistico per esperti. Buon allenamento richiesto. Sono richiesti passo sicuro, calzature robuste ed esperienza alpinistica.

    Da Sinuwa percorriamo ancora a ritroso un tratto dell’andata, fino a Chhomrong. Da qui, imbocchiamo il sentiero a sinistra che ci fa attraversare alcuni villaggi rurali e ci conduce a Jhinu Danda.

    

    Ad aspettarci poco sotto al paese c’è un ponte tibetano lunghissimo sospeso sopra al fiume Kyumrung Khola

    by Marika Abbà

    Dettagli

Ti piace questa Raccolta?

Commenti

    loading

La Raccolta in numeri

  • Tour
    5
  • Distanza
    59,7 km
  • Durata
    20:39 h
  • Dislivello
    3.780 m

Potrebbe anche interessarti

Tre notti in Val Codera – un assaggio del Sentiero Bonatti e del Tracciolino

Escursionismo – Raccolta by Anna_Orsatti

Cammino di Oropa – in viaggio verso il Sacro Monte

Escursionismo – Raccolta by Marika Abbà

La Via Verde Ojos Negros – un salto nel passato minerario della Spagna

Cicloturismo – Raccolta by Ana Carmen

Salento Trail – Ulivi, masserie, faraglioni: pedalando tra i due mari

Cicloturismo – Raccolta by Alvento – Italian Cycling Magazine